www.wineconcept.it

Racconti

Barolo

piccolo racconto di un paesaggio

Fotografia
Undici comuni, piccoli borghi che dominano le coline ricoperte dai vigneti, preziosi come gemme, con una storia comune e sinergica che ha cambiato genti e territorio. Se non ami il vino difficilmente potrai capire la bellezza di una terra come le langhe del barolo.

Percorrendo la strada che Castiglione Falletto va a Barolo i filari disegnano un paesaggio operoso, ma nello stesso tempo calmo.  Il tempo della vigna e quello degli uomini sembra convergere, la sequenza delle stagioni potrebbe essere stata creata, come paradosso, solo per far maturare i grappoli di nebbiolo.

Le vigne, quelle più belle sono state piantate in piccoli appezzamenti selezionati. Cannubi , Prapò, Rocche, Bussia ,Brunate sono solo alcune  delle  grandi riserve di barolo, vini,  dal carattere unico e diverso, che ci riportano nel gusto un’antichissima memoria geologica della terra di langa.  Il barolo è sicuramente  figlio   di una grande terra, ma soprattutto di una grande intuizione e amicizia tra la marchesa Giulia Colbert, sposata al marchese Falletti e il nostro eroe del risorgimento Camillo Benso conte di Cavour. Giulia  Colbert ebbe Sicuramente il merito di far conoscere il barolo nelle più importanti corti europee ,mente Cavour, avvalendosi di un grande enologo francese come Oden puo essere considerato il vero padre di questo meraviglioso vino.

Grazia Trischitta